Quale vino bere con la pizza?

Pizza gourmet la bussola

L’abbinamento del vino con la pizza è uno dei mantra di tutti gli enoappassionati, neo sommelier e vino dipendenti.
Anche io ho fatto le mie sperimentazioni e voglio condividere con voi le conclusioni.

La scelta della pizza condiziona la scelta del vino. Frase che sembrerà scontata, ma ho verificato che non può esserlo e ti spiego il perchè.
Distinguiamo le due grandi famiglie di pizze, la pizza classica e la pizza gourmet che ultimamente và tanto di moda.
La pizza classica, quella del sabato sera con gli amici, è composta da margherita, capricciosa, 4 stagioni, salsicce e patate, kebab (ebbene si!), quattro formaggi, ecc…

Questa pizza è caratterizzata da un impasto standard, farina di tipo 0, lievitata poco, velo di sugo, se rossa, e condimento sparso più o meno “carico”, in genere la pizza risulta essere sempre piuttosto scarica.

Tutte le pizze presentano una decisa complessità  che non permette di assegnare lo scettro del vincitore ad un Cerasuolo o Rosato, come spesso si sente dire.
Una pizza 4 formaggi presenta uno squilibrio pazzesco verso tendenza dolce e grassezza, che deve essere contrastata da acidità, sapidità o effervescenza e acidità.
Un abbinamento facile che mi viene in mente è con prosecco dry, poichè presenta un leggero residuo zuccherino.

Pizza CapricciosaFonte: www.buonissimo.it

Pizza capricciosa, affettati, funghi, mozzarella e ho visto metterci di tutto nella capricciosa.
La base dell’impasto sarà sempre tendenzialmente dolce, poi in base al condimento possiamo avere delle deviazioni, in questo caso vedrei bene un Lagrain rose per la sua spalla acida e quel leggero tannino che và a contrastare l’untuosità dei liquidi rilasciati dai vari condimenti.

Già queste pizze tradizionali possono avere delle variazioni al tema rosè, figuriamoci con pizze gourmet.

Pizza gourmet la bussola
Fonte: https://www.bussolaristorante.it/

Pizza con porro, pancetta, burrata, olio evo. Piatto deciso, con molte sfaccettature. Qui potremmo valutare un lambrusco, data la presenza di parecchia grassezza e untuosità senza invadere eccessivamente con il vino. Si può valutare un Cerasuolo d’Abruzzo superiore , si può valutare un Vermentino. Perchè il Vermentino di Gallura? Per la grande spalla acida che in genere caratterizza i vini sardi, a contrasto della grassezza e tendenza dolce della burrata. Alcolicità elevata per la succulenza.

Io penso che tra qualche anno il vino riuscirà ad accompagnare molto bene le pizze gourmet, sicuramente più complesse e ricche di elementi di eccellenza italiana che quindi ben si sposano con le diversità dei vini prodotti.

Invece per la pizza del sabato sera con gli amici o in famiglia, probabilmente il vino resterà una scelta di gusto e difficilmente si abbandonerà la più classica delle birre italiane e affini.


mm
Consulente informatico e da sempre fedele compagno di avventure insieme al mio amico Bacco. Calciofilo e fantacalcista da sempre.
Attualmente Avvinato
mm

Luca Zappacosta

Consulente informatico e da sempre fedele compagno di avventure insieme al mio amico Bacco. Calciofilo e fantacalcista da sempre. Attualmente Avvinato