Dal Forno D’Abruzzo nasce il Pecorino Giulia 2016 – Cataldi Madonna

In Abruzzo fino a qualche anno fà si vedeva solo Trebbiano, rapidamente il Pecorino ha rubato quote al mercato regionale grazie alle caratteristiche che lo rendono più appagante nel rapido mercato modaiolo dei locali. Come spesso accade, ci sono alcuni che sono stati in grado di elevare il prodotto e rendergli il giusto onore.
La cantina Cataldi Madonna, con il Pecorino Giulia, è riuscito nell’impresa.

Cataldi Madonna si trova all’interno di un territorio definito il “Forno d’Abruzzo”, un altopiano ad anfiteatro in cui Ofena è situata nel centro. Le forti escursioni termiche donano all’uva caratteristiche olfattive di qualità e, grazie alla vinificazione con pressatura soffice, i profumi vengono preservati fino al bicchiere.

Un vino equilibrato, di grande persistenza e dalla beva pericolosamente facile. Al naso i freschi profumi di pompelmo, melone bianco e da una spiccata mineralità, anticipano il sorso rotondo, caldo e dalla giusta freschezza.

In Abruzzo, i vini dell’entroterra sono poco considerati, ma a mio avviso hanno del potenziale molto più elevato. Sicuramente le difficoltà di allevamento della vite incidono sul prezzo, ma se i risultati sono questi, il prezzo diventa un effimero metro di giudizio adatto agli invidiosi dal portafogli vuoto.

Acquistato presso Ipercoop San Giovanni Teatino (CH): 8€


mm
Consulente informatico e da sempre fedele compagno di avventure insieme al mio amico Bacco. Calciofilo e fantacalcista da sempre.
Attualmente Avvinato
mm

Luca Zappacosta

Consulente informatico e da sempre fedele compagno di avventure insieme al mio amico Bacco. Calciofilo e fantacalcista da sempre. Attualmente Avvinato