Il verdicchio non delude mai – La Staffa 2016

Una bevuta disimpegnata, senza pretese, ma con l’aspettativa della piacevolezza che in genere regala il Verdicchio. Questi sono stati i presupposti per l’apertura del Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore anno 2016 dell’azienda La Staffa.

Vi dico subito che le aspettative sono state ripagate. Vino intenso, di buon corpo ma morbido e sapido. Ho ritrovato tutti i profumi floreali tipici del Verdicchio e la rotondità che dona al vino la giusta evoluzione al momento dell’apertura.

Dalla scheda del produttore possiamo leggere che la fermentazione è avvenuta in vasche d’acciaio e cemento con successivo affinamento in cemento per 3 mesi. Pressatura soffice e fermentazione spontanea con lieviti indigeni. Tutte informazioni che ci comunicano l’attenzione nel preservare gli aromi del vitigno senza intervenire, nel limite del possibile, con agenti esterni.

In conclusione un vino che convince e non delude, ad un prezzo molto buono.

Acquistato su Tannico: 11,70€

[amazon_link asins=’B019Z36KE2,B01FSE9VRK,B00076WNGQ,B01HI8DFW6,B06XR9GQTV,B06Y48XX2S’ template=’ProductCarousel’ store=’it-1′ marketplace=’IT’ link_id=’e51bffb5-8690-11e8-bdbd-67f0f8c2017b’]


mm
Consulente informatico e da sempre fedele compagno di avventure insieme al mio amico Bacco. Calciofilo e fantacalcista da sempre.
Attualmente Avvinato
mm

Luca Zappacosta

Consulente informatico e da sempre fedele compagno di avventure insieme al mio amico Bacco. Calciofilo e fantacalcista da sempre. Attualmente Avvinato