Naturale – Salone del vino – 13/05/2018 Capestrano (AQ)

Seconda partecipazione di Avvinati al Salone del vino Naturale a Capestrano, nello stupendo Convento di S.Giovanni.
Abbiamo ritrovato produttori già segnalati nell’edizione scorsa (poi leggerlo qui) e scoperti di nuovi che hanno meravigliato per la disponibilità e per gli ottimi prodotti.

La prima cantina che vado a raccontarvi è La Valle de Sole di Offida. Con una vigna di circa 50 anni, la Passerina si posiziona in cima alla classifica dei migliori vini bevuti in giornata. Ottima freschezza, bouquet floreale ampio e il bocca ha un discreto corpo consideranto il vitigno. Perfetto.
Non si poteva passare oltre senza prima assaggiare il Pecorino, DOCG, che esprime tutto il territorio nel bicchiere. Anche qui discreta intensità olfattiva ed ottimo corpo sostenuto da una alcolicità piuttosto importante (14,5°).

Ritornando in Abruzzo, parliamo di Fiore Podere San Biagio a Controguerra (TE).  Lunga chiacchierata a inizio manifestazione che mi ha trasmesso un grande entusiasmo nella ricerca della qualità senza abbandonare la sperimentazione, ricordo con piacere il blend di uve bianche macerate di notevole interesse. Speriamo di vederela imbottigliata un giorno.
Cirri – Cerasuolo d’Abruzzo: rosso ciliegia, piccoli frutti rossi al naso, morbido, fresco e sapido.
Idillio – Montepulciano d’Abruzzo DOCG: rosso rubino, al naso frutta sotto spirito, tabacco e pepe, in bocca trama tannica importante, con un bel corpo e mineralità.

Cantina Tenuta Grillo, nel Monferrato, mi ha colpito per la scelta di mettere in commercio vini “maturi”. Tutti avevano, chi più chi meno, circa 10 anni di invecchiamento, scelta molto impegnativa che però dona al vino tutte le piacevolezze del tempo.
Sono rimasto colpito da PECORANERA, freisa con aggiunte di dolcetto e merlot. Al naso frutta matura, ma anche terziari di acetone e vernice.
In bocca il sorso è corposo con un tannino levigato ma ancora deciso. Se non ricordo male l’anno degustato era un 2004. Non l’avrei mai detto.

Da Loreto Aprutino, in provincia di Pescara,  segnalo Le Cince, Cerasuolo d’Abruzzo della cantina De Fermo.
Classico Cerasuolo, con colore rosso ciliegia tendente al rosa, al naso frutti rossi e fiori, in bocca è pieno, fresco e morbido grazie al passaggio in grandi botti di rovere.

La manifestazione di Capestra, ex Navelli, si sta affermando come un punto di ritrovo per appassionati e addetti ai lavori che amano il vino nella sua espressione più vera, nel bene e ne male.


mm
Consulente informatico e da sempre fedele compagno di avventure insieme al mio amico Bacco. Calciofilo e fantacalcista da sempre.
Attualmente Avvinato
mm

Luca Zappacosta

Consulente informatico e da sempre fedele compagno di avventure insieme al mio amico Bacco. Calciofilo e fantacalcista da sempre. Attualmente Avvinato