Un nome esotico per una grande espressione del territorio – Kukukaya 2017 – Cascina del Colle

Mi trovo in cantina per acquistare del vino e veniamo accolti da tutta la famiglia  di Cascina del Colle, in particolare da Gianluca che ci illustra tutti i prodotti dell’azienda.

Nel saccheggio di Mammut e Negus, che presto vi racconterò, mi viene consigliato Kukukaya da passerina, uva in ascesa nel territorio abruzzese.
Mi fido e ne prendo una bottiglia, d’altronde se non ti fidi di chi il vino lo produce, di chi ti devi fidare?
La cena prevede Trota al forno su letto di patate, forse una preparazione forte per una passerina, ma ci si prova.
Il vino, si da subito dimostra di carattere con profumi netti e decisi di frutta a polpa bianca, susina, fiori e un finale di erbe aromatiche, direi salvia, molto leggera.
Forse è la prima volta che bevo una passerina con questa forza olfattiva.
Frutto di una vinificazione in acciaio, il vino sviluppa 13% di alcool ed è BIO come quasi tutti i prodotti della cantina.

Il sorso è pieno e ben sostenuto da sapidità e freschezza, il tutto armonico ed equilibrato.
L’abbinamento con la trota e patate risulta buono quindi lo consiglio vivamente.

Acquistato in cantina: 9€ circa
Scheda tecnica del vino


mm
Consulente informatico e da sempre fedele compagno di avventure insieme al mio amico Bacco. Calciofilo e fantacalcista da sempre.
Attualmente Avvinato
mm

Luca Zappacosta

Consulente informatico e da sempre fedele compagno di avventure insieme al mio amico Bacco. Calciofilo e fantacalcista da sempre. Attualmente Avvinato