Freschezza alsaziana: Riesling 2014 – Pierre Frick

Non sempre le carte dei vini colpiscono per varietà e coraggio, ma quando accade mi rimane difficile resistere alla tentazione di provare qualcosa di più temerario. È accaduto al Ristorante al Metrò di San Salvo Marina (Ch) ed il vino in questione è il Riesling 2014, prodotto “di base” di Pierre Frick.

Questo storico Domaine alsaziano è noto per essere uno dei precursori dei metodi biologici (dal 1970) e biodinamici (dal 1981) applicati alla viticoltura. Le pratiche in cantina sono di stampo non interventista: la fermentazione avviene solo grazie ai lieviti indigeni e senza controllo della temperatura (in inverno si arresta) e i vini vengono filtrati solo prima dell’imbottigliamento. In particolare, questo Riesling è maturato circa nove mesi su fecce fini in grandi e vecchie botti di rovere.

La degustazione è sorprendente: il primo impatto olfattivo non è immediatamente piacevole, ma il vino si apre gradualmente verso sentori di fiori d’arancia e agrumi, mela, pesca. In bocca ha un’entrata di notevole acidità che lascia il posto ad una sapidità spiccata. È un vino verticale e dalla grande persistenza, non convenzionale, forse non per tutti i palati.

Il sommelier ci ha consigliato un abbinamento con una ricciola arrosto con erbe e salsa agrodolce. Perfetto.

I vini di Pierre Frick, ma non questo riesling, sono venduti su Tannico.


mm
Italiano all'estero ritrapiantato in Italia. Mentalità nordica, pancia partenopea, cuore abruzzese. Sommelier ed enoappassionato con una predilezione leggera per i bianchi e pressoché totale per i produttori che rispettano e custodiscono il territorio.
mm

Stefano Console

Italiano all'estero ritrapiantato in Italia. Mentalità nordica, pancia partenopea, cuore abruzzese. Sommelier ed enoappassionato con una predilezione leggera per i bianchi e pressoché totale per i produttori che rispettano e custodiscono il territorio.