Autoctono per davvero: il Montonico 2015 dell’Agricola Valente

Quanta curiosità e quanta soddisfazione ci sono nell’assaggiare un vino raro, ottenuto da un’uva autoctona abruzzese che ha seriamente rischiato l’estinzione. Il vitigno, a bacca bianca, si chiama Montonico – da non confondere con il calabrese Mantonico – e si coltiva ormai solo nella zona di Bisenti e Cermignano, in un bellissimo lembo dell’entroterra teramano alle pendici del Gran Sasso. Dal 2015 Slow Food lo annovera tra i suoi presidi da proteggere e valorizzare. L’uva è vinificata da soli tre produttori e l’azienda agricola Valente lo fa con convinzione e determinazione, nel pieno rispetto dell’ambiente e del territorio.

 

La bottiglia aperta, un Montenego del 2015, lo conferma. Il vino, con grado alcolico non marcato all’11%, si presenta con un bel giallo paglierino e dei sentori che si rincorrono tra fiori bianchi di montagna e un erbaceo secco, con alcune note di pesca bianca. Al palato ha grande freschezza, buona sapidità e un’ottima beva… Un vino veramente adatto ad un portata estiva leggera e non troppo strutturata come un antipasto di crudi di pesce. Personalmente ho azzardato un trancio di razza all’acqua pazza e l’abbinamento si è rivelato azzeccato!

Per informazioni sulla vendita, consiglio di contattare direttamente l’Azienda Agricola Valente


mm
Italiano all'estero ritrapiantato in Italia. Mentalità nordica, pancia partenopea, cuore abruzzese. Sommelier ed enoappassionato con una predilezione leggera per i bianchi e pressoché totale per i produttori che rispettano e custodiscono il territorio.
mm

Stefano Console

Italiano all'estero ritrapiantato in Italia. Mentalità nordica, pancia partenopea, cuore abruzzese. Sommelier ed enoappassionato con una predilezione leggera per i bianchi e pressoché totale per i produttori che rispettano e custodiscono il territorio.