L’Appennino nel calice – Trebbiano d’Abruzzo Superiore 2015 Cerano della cantina Pietrantonj

È venerdì, e come spesso mi capita, mi ritrovo con alici, scampi e calamari, i miei ingredienti preferiti per una frittura. Questa volta decido di abbinarci il Cerano, un trebbiano d’Abruzzo superiore che avevo acquistato in occasione di una visita alla cantina Pietrantonj a Vittorito (Pe), terra circondata dalle montagne e di antichissima vocazione vitivinicola.

 

La cantina è tra le più storiche che si possono trovare in Abruzzo e visitarla è un autentico tuffo nella storia. Botti secolari, una cisterna sotterranea del 1893 rivestita in piastrelle di vetro di Murano e molti altri strumenti antichi conservati sapientemente dalla famiglia Pietrantonj, ci fanno capire che il vino è sempre stato parte integrante della vita di questo angolo di Appennino.

 

Ma veniamo al nostro Cerano. Un trebbiano coadiuvato da un 10% di malvasia – altro vitigno tradizionalmente coltivato nella valle Peligna – che si presenta con un bel giallo paglierino intenso. Al naso ci accarezza con profumi di agrumi, albicocca, mandorla e con delicati sentori floreali ed erbacei. Davvero interessante! In bocca non delude le aspettative, il sorso è fresco e sapido, di ottimo equilibrio. Insomma, un vino che accompagna perfettamente una bella frittura di pesce… ed un tramonto estivo!

 


mm
Italiano all'estero ritrapiantato in Italia. Mentalità nordica, pancia partenopea, cuore abruzzese. Sommelier ed enoappassionato con una predilezione leggera per i bianchi e pressoché totale per i produttori che rispettano e custodiscono il territorio.
mm

Stefano Console

Italiano all'estero ritrapiantato in Italia. Mentalità nordica, pancia partenopea, cuore abruzzese. Sommelier ed enoappassionato con una predilezione leggera per i bianchi e pressoché totale per i produttori che rispettano e custodiscono il territorio.